Breve storia di come il Curry è arrivato in Giappone

Dalla tradizione indiana, passando per la Gran Bretagna, oggi il curry fa parte della cultura giapponese quanto il sushi o il ramen. Anzi di più.

|
nov 8 2018, 11:50am

"Il curry è diffuso quanto il ramen in Giappone," dice Yudai Kanayama, proprietario del ristorante Izakaya e direttore creativo di Izakaya/Samurice a Canal Street Market, a New York. La stessa cosa, purtroppo, non si può ancora dire degli Stati Uniti o nel resto d'Europa, ma Kanayama spera di poter cambiare presto questa tendenza.

Secondo la leggenda verso la fine del 1800 il curry è arrivato in Giappone grazie a un naufrago inglese che sarebbe stato salvato in mare da un peschereccio.

Secondo Morieda Takashi, food writer giapponese, nel 2000 le persone in Giappone mangiavano più spesso curry piuttosto che sushi o tempura. In un sondaggio su circa 10mila cittadini giapponesi—che definiva il curry "pietanza nazionale del Giappone"—la maggior parte dei partecipanti dichiarava di consumare curry e riso diverse volte al mese.

Il curry giapponese tende a essere più leggero, denso e dolce. Nonostante ogni regione abbia le sue varianti, in genere viene servito con riso e katsu, bocconcini di pollo o maiale.

Cresciuto nell'isola di Hokkaido, a nord del Giappone, Kanayama ricorda di aver sempre mangiato il curry preparato da sua madre, a casa. Ora, nel suo ristorante prepara un delizioso curry che serve con del riso e del tonkatsu, carne di maiale cotta per otto ore prima di essere impanata e fritta. Ad oggi, dice, il curry è il piatto più richiesto in entrambi i suoi ristoranti.

Nella sua reinterpretazione del piatto, Kanayama cerca di ricreare il piatto che ha caratterizzato la sua infanzia, con il mix di spezie tradizionale, la salsa di soia e il miele. Ci sono anche alcune aggiunte come le cipolle rosolate, salsa di ostriche, e vino bianco, ma come spiega, "Non voglio allontanarmi troppo dalla ricetta tradizionale casalinga."

Parte di quel gusto tradizionale viene anche dalle paste di curry pronte. "È praticamente impossibile ricreare [il gusto perfetto] senza usare la pasta," dice. Il mix più diffuso è quello prodotto da House Foods, che dal 1926 crea il JAVA curry e il Vermont Curry—chiamato così perché contiene mele e miele.

Ma le origini del curry giapponese risalgono a ben prima di allora: secondo la leggenda verso la fine del 1800 il curry è arrivato in Giappone grazie a un naufrago inglese che sarebbe stato salvato in mare da un peschereccio. Almeno, questa è la storia che il Dr. Merry White, professore di antropologia alla Boston University che si occupa di cultura culinaria giapponese, ha raccontato a Munchies.

Il marinaio solitario che avrebbe introdotto il curry in Giappone rappresenta in realtà la Marina Britannica tutta, ed è utilizzato per romanzare questo mito, di come gli inglesi diffusero il mix di spezie in Giappone. Alla fine del XIX secolo, infatti, la Royal Navy serviva curry ai suoi marinai ormai da anni. White ipotizza che la scelta fu il curry perché l'adattamento di un qualsiasi altro alimento tipico britannico avrebbe probabilmente offeso alcuni marinai, mentre "usare un cibo 'straniero' poteva funzionare." Poco tempo dopo, fu adottato anche della Marina Giapponese per gli stessi motivi: curry e riso non favorivano nessuna regione specifica del Giappone, e non avrebbero escluso nessun battaglione.

Gli inglesi servivano ai propri marinai un curry "denso, saporito, dal colore tra arancio e marrone, e piuttosto dolce," spiega White. "Era una versione inglese, non indiana, il curry che arrivò in Giappone e vi rimase negli anni."

Mentre diversi tipi di curry si trovano nei ristoranti giapponesi sin dal 1877, come scrive Lizzie Collingham nel suo libro Curry: A Tale of Cooks and Conquerors, è nelle mense militari che la ricetta prese davvero piede. Facile da preparare in grandi quantità, il curry era un ottima modo per introdurre la carne nell'alimentazione dell'esercito. Per gli stessi motivi, il curry si diffuse ben presto anche nelle mense scolastiche. Poi, quando nacquero le prime paste di curry pronte, anche la cucina casalinga iniziò ad esplorare questa ricetta rendendola parte della propria quotidianità.

Per Kanayama, la storia del curry in Giappone, però, non può essere raccontata senza parlare di William S. Clark, un chimico americano e studioso di agricoltura che lui definisce, "il nostro eroe."

Dopo essere stato presidente di quella che è ora la University of Massachusetts Amherst, Clark contribuì alla nascita del Sapporo Agricultural College in Giappone verso la fine del 1800. È a lui che dobbiamo l'aggiunta delle patate nella ricetta del curry giapponese, che secondo Kanayama, hanno reso ancora più popolare il piatto in patria.

"Oggi noi vogliamo essere il Doctor Clark a New York," dice Kanayama, parlando del suo desiderio di diffondere la ricetta tra la popolazione americana.

Sebbene Go! Go! Curry e CoCo Ichibanya siano già arrivati nelle grande città come New York, Los Angeles e Boston, Kanayama pensa che la maggior parte della gente ancora non conosca il curry giapponese. "Non ci sono tanti curry shop a New York, non quanto i ristoranti di ramen, per esempio," spiega, "ma secondo noi c'è grande potenziale per fare diventare il curry una nuova tendenza in città."

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.