Quantcast
Foto by Eva Vlonk

Le cose più assurde che la gente ruba nei locali

DiIris Bouwmeestertraduzione diFlavia Guidi

A tutti è capitato di svegliarsi in hangover in possesso di strani oggetti, ma i protagonisti di queste storie si sono spinti oltre

Foto by Eva Vlonk

Qualche tempo fa, dal bar di un hotel è stato rubato un dito mummificato, a dimostrazione del fatto che non ci sono limiti alla fantasia quando si tratta di furti a conclusione di una cena o di una serata fuori. La cleptomania è un effetto collaterale dell'alcol, ed è forse per questo che almeno una volta ti sarà capitato di svegliarti confuso con uno strano oggetto in borsa, nel letto, o anche in testa - o per lo meno un oggetto di cui la notte prima non eri in possesso.

Spesso - si spera - i furti avvengono quando una persona è talmente ubriaca da non ricordare poi niente, ma alcuni si spingono oltre e rubano intenzionalmente. Abbiamo chiesto ad alcuni ladri particolarmente innovativi di raccontarci le loro esperienze.

David and Tim*

Foto by Rebecca Camphens

Tim: La maggior parte dell'oggettistica del nostro appartamento è fatta di oggetti rubati, perché vogliamo ricordarci sempre le nostre serate più divertenti. Tutti gli oggetti hanno una storia.

David: Per esempio, questo ventaglio è stato rubato allo Studio K a un evento per il capodanno cinese. Lo abbiamo staccato dal muro quando nessuno guardava, e nascosto in un angolo. Quando completamente aperto è enorme, ma anche da chiuso è alto come un'asta. Per portarlo fuori l'ho infilato nei pantaloni, dai piedi mi arrivava all'ombelico, e mi sono trascinato fuori con una gamba rigida. Ho anche salutato il buttafuori, che non si è accorto di niente.

Foto by Rebecca Camphens

Tim: È incredibile quante cose hanno bypassato gli occhi dei buttafuori. Una volta abbiamo avvolto i cappotti attorno a una sedia, e siamo usciti. Scoppiavamo d'adrenalina - spesso i buttafuori non si aspettano che vengano rubate cose così grandi, quindi ci fanno meno attenzione. Non siamo mai stati beccati!

Tim and David once stole a piece of a dum set, which they now use as a flowerpot. Photo by Rebecca Camphens

David: Abbiamo anche rubato l'armadietto numero 383 da una discoteca di Amsterdam, era attaccato in un modo molto facile da smontare. Avevamo dietro gli zaini da campeggio, perciò non è stato difficile.

Photo by Rebecca Camphens

Tim: Siamo sempre più ambiziosi. È una specie di gara. Ma la domanda rimane: qual è il limite? Per quanto riguarda l'armadietto, siamo al limite dell'illegale. A volte ci sentiamo in colpa.

David: L'idea adesso è di rubare cose più funzionali. Piatti, posate, insomma cose che ci servono davvero.

Tapulanga

Foto by Rebecca Camphens

Io e la mia coinquilina una volta eravamo a una festa in un locale. Eravamo ubriache. Mentre ballavamo, ho notato una strobo da discoteca. Ne ho sempre voluta una, e quella era l'occasione perfetta per realizzare il mio sogno. Quando abbiamo recuperato i cappotti, ho nascosto la palla dentro al mio e sono uscita. È stato tutto molto veloce, perché la strobo stava proprio vicino all'uscita.

Photo by Rebecca Camphens

Subito dopo siamo andate da McDonald's, anche se avevamo paura di destare sospetti. Per fortuna c'erano due operai per strada che aggiustavano le rotaie del tram, quindi ho affidato loro la strobo in cambio di due bicchieri di coca cola. Credo avessero capito che c'era qualcosa di strano, ma non gliene fregava niente.

Laurens

Foto by Rebecca Camphens

Qualche anno fa, io e il mio coinquilino avevamo stabilito una regola secondo cui all'albero di Natale si potevano appendere solo decorazioni rubate - per divertimento, ma anche perché in questo modo dietro ogni oggetto ci sarebbe stata una storia. Abbiamo rubato nei pub, nei ristoranti e nei mercatini. Alla fine avevamo una bella collezione.

Foto by Rebecca Camphens

Una volta è capitato anche che mi sono svegliato a Terschelling (un'isola dei Paesi Bassi) con in tenda con un didgeridoo. Non so come sia successo. Mi ricordo solo che l'ho visto appeso al muro di un pub buono ed economico la sera prima. Mi sono sentito veramente in colpa perché il proprietario era molto gentile. L'isola è piccola, probabilmente tutti sapevano cos'avevo fatto quella notte. Ho abbandonato il didgeridoo in campeggio.

Jolien and Maxine

Foto by Eva Vlonk

Maxine: Io e la mia coinqulina facevamo a gara a rubare più rotoli di carta igienica. È andata avanti per circa un anno e mezzo. Per entrambe era la prima esperienza a vivere da sole, e avevamo pochi soldi, quindi ci è venuto naturale chiederci perché avremmo dovuto spenderli per la carta igienica.

Jolen: La rubavamo dai bar, dai ristoranti e dai bagni dell'università - per dirne solo alcuni. Sapevamo quali bar avevano i rotoli più grandi e all'università alle volte trovavamo pacchi interi di carta igienica. Bingo.

Foto by Eva Vlonk

Maxine: La competizione era serrata. Continuavamo a pensare a rubare la carta igienica, qualsiasi cosa stessimo facendo. Avevamo anche delle borse di plastica nello zaino, in caso ci fosse capitato un rotolone.
Jolen: Tutti i mesi decretavamo la vincitrice e scrivevamo il suo nome su una lavagna speciale.

Maxine: Abbiamo creato uno spazio apposito in un grande armadio. In tempo zero era pieno—un successo. Non abbiamo comprato carta igienica per tre anni!

Nele

foto by Rebecca Camphens

Quando ero una studentessa non avevo molti soldi, e quando ero ubriaca diventavo una teppistella. Spesso - molto spesso - rubavo le cose di cui avevo bisogno. Dal Chicago Social Club ho rubato dieci bicchieri grandi, quattro più piccoli e qualcuno con una bella base di cristallo. Al Wastergasfabriek [un centro culturale di Amsterdam] avevano bicchieri per il gin tonic molto costosi: ne ho rubati quattro. L'obiettivo era quello di mettere insieme un bel set di bicchieri di lusso. Li mettevo velocemente in borsa, correvo al bagno e li avvolgevo nella carta igienica perché non si rompessero. I miei ospiti mi fanno sempre i complimenti per i bicchieri.

Foto by Rebecca Camphens

Una volta ho rubato anche un cestino da una discoteca. L'ho visto lì e ho pensato, "Mi serve." L'ho messo nella borsa e sono uscita. In più, a casa vecchia avevo anche un tappeto rubato. La mia coinquilina l'aveva semplicemente trovato sotto il tavolo in un locale, arrotolato e portato via.

*Alcuni nomi sono stati cambiati.

Questo articolo è comparso per la prima volta su MUNCHIES OLANDA.