No, il latte non aumenta la produzione di catarro, ok?

Non sappiamo dove il mito sia nato, ma è tempo di sfatarlo una volta per tutte, dice un nuovo studio

|
set 14 2018, 8:55am

Foto: Getty Images - Leong Thian Fu / EyeEm

Come il tipico bambino americano, da piccolo ho bevuto un sacco di latte - preferibilmente mescolato con abbondanti cucchiai di Nesquik zuccheroso. Lo abbinavo a diversi alimenti, in accoppiate che ora mi fanno rabbrividire: con la pizza, con gli hot dog, con il cibo cinese.

Ma appena avevo il più piccolo segnale di raffreddore, mia mamma mi proibiva il consumo del mio amatissimo latte, proponendo succo, tè, o addirittura (brivido) acqua. La ragione, secondo lei, era che bere latte o mangiare formaggio avrebbe reso il mio naso colante ancora più colante, e il mio catarro più catarroso.

Quello di 'latte e muco' è un mito molto diffuso. Molte persone evitano latte, yogurt e formaggio quando non si sentono bene, nella convinzione che i latticini aumentino la produzione di catarro e peggiorino i loro sintomi. Ma secondo un nuovo studio, la convinzione è totalmente errata.

Pubblicato la settimana scorsa nella rivista Archives of Disease in Childhood, “Milk, mucus and myths” sfata il mito della connessione tra latte e catarro una volta per tutte. Scritta dal pneumologo pediatrico Ian M. Balfour Lynn, la ricerca è una risposta a tutti i genitori preoccupati - e male informati - che il dottore deve vedere ogni giorno. "Lo sentiamo così spesso dai genitori all'ospedale," ha raccontato Lynn a MUNCHIES. "Sarà utile poter fare riferimento allo studio".

Anche se non è chiaro dove la storia sia nata, dura da tanto. La medicina tradizionale Cinese collega il consumo di latticini a "un effetto umidificante e un catarro più solido", mentre nel Medioevo il dottore e filosofo Moses Maimonides scrisse che il latte causava "un intasamento nella testa".

“I libri del Dr. Spock hanno sicuramente contribuito a promuovere la storia,” nota Lynn. Il famoso pediatra, i cui libri Dr. Spock’s Baby and Child Care hanno venduto 50 milioni di copie dalla loro pubblicazione nel 1946, nota che "i prodotti caseari potrebbero causare più complicazioni catarrose e maggiore fastidio nelle infezioni del tratto respiratorio superiore".

Ripercorrendo la letteratura medica, Lynn ha trovato studi risalenti al 1948 che mostravano che bere latte non è associato con l'aumento di muco nel tratto respiratorio. E questo è coerente con la sua esperienza.

La consistenza del latte potrebbe far sentire alle persone che il loro catarro e la loro saliva siano più densi, e deglutire più difficile, ma non c'è evidenza (e invece c'è evidenza del contrario) che il latte porti a un'eccessiva produzione di catarro," scrive nello studio "Il mito latte-muco ha bisogno di essere fermamente negato da chi lavora negli ospedali".

Fino ad ora Lynn ha trovato questo mito particolarmente duro a morire. Ha spesso incontrato genitori che gli chiedevano della connessione tra latte e catarro. “Continuavo a dire che non era vero, ma non mi credevano," dice. Da quando la ricerca è stata pubblicata, la scorsa settimana, Lynn ha ricevuto molti commenti di persone che rifiutano di dargli ragione. “Molti non credono ancora all'evidenza," dice. "C'è chi accusa lo studio di essere sponsorizzato dall'industria dei latticini! Ridicolo, e a me non è nemmeno mai piaciuto bere latte".

Bene, ecco qui, direttamente dalla bocca di un dottore: il latte è schifoso. Ma se vi piace, adesso sapete che la prossima volta che avete un raffreddore potete consumare tutto il kefir, cheddar e gelato che volete.

Segui MUNCHIES Italia su Facebook e Instagram.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.

Questo articolo è originariamente apparso su Munchies US.