Quantcast
recensioni

C'è chi recensisce i locali su YouTube, e forse non eravamo pronti

Su YouTube si moltiplicano i video sulle recensioni di locali e ristoranti gourmet e non. E alcuni video, diciamolo, sono ridicoli.

screengrab via YouTube Marco Pesci

Il nostro modo di scegliere i ristoranti è decisamente cambiato da quando forum come TripAdvisor hanno iniziato a essere popolari. Mio padre, ad esempio, ha smesso di affidarsi al suo "fiuto" per i ristoranti, che fondamentalmente consisteva nell'imbucarsi in qualche via poco frequentata e lanciarsi nel primo posto dalle fattezze “autentiche”, qualsiasi cosa voglia dire. Ora, invece, non alza nemmeno la testa per guardarsi intorno, ma spulcia in maniera ossessivo-compulsiva recensioni, foto e classifiche tripadvisoriane senza badare alle strade davanti a lui.

Dopo aver cenato, è già pronto all’uscita dal locale con lo smartphone in mano per mettere la recensione. In realtà già mentre siamo a tavola cerca di immaginare le parole e il punteggio che utilizzerà per descrivere il servizio lento, le tovaglie macchiate, ma anche il cibo, buono e abbondante, proprio come piace a lui.

Da quando poi è sbarcato in tv la serie 4 Ristoranti , c’è sempre qualcuno che nei locali, tra una portata e l’altra, si finge l’Alessandro Borghese di turno, chiedendo a tutti cosa ne pensano del piatto. La tendenza all’esprimere (spesso forzatamente) la propria opinione sui ristoranti è ormai diventata pratica comune. Ed è arrivata anche su YouTube.

C’è chi lo fa con consapevolezza e serietà e chi invece ci scherza sopra, ma alla fine il risultato è lo stesso: parecchie views.

Un tempo YouTube era la piattaforma in cui guardavo i video musicali dei miei artisti preferiti, ma negli anni la piattaforma online si è evoluta e con essa anche i suoi utenti. Ora su YouTube ognuno trova il suo posto o se lo crea. Se avete un fratello, sorella o cugino della generazione Z noterete che passa gran parte del tempo libero a guardare video su YouTube, spesso realizzati da ragazzini della sua stessa età. Le recensioni dei prodotti su YouTube paiono essere una fissa di questa generazione.

Se volete vedere un’esperienza completa al ristorante, sulla piattaforma troverete anche questo. C’è chi lo fa con consapevolezza e serietà e chi invece ci scherza sopra, ma alla fine il risultato è lo stesso: parecchie views.

Ad esempio Ciccio Gamer89, specializzato in video che parlano di videogiochi, ha tutta una playlist dedicata al cibo e alcune di recensioni di ristoranti. In questo video qui sotto si trova da Cracco per provare la famosa pizza che ha fatto tanto discutere. Seduto al tavolo con una giacchetta che non tradisce la sua essenza nerd si lascia andare a commenti come “c’è un botto d’aglio” ma nel complesso pare essere soddisfatto, anche mentre viviseziona l’impasto, poi però conclude con “Mon è una pizza esplosiva” e che “Mia nonna magari l’ossobuco non le viene così morbido, ma magari più buono sì”.

Come detto sopra, la generazione Z è quella più a suo agio con YouTube, e anche alcuni di loro si sono cimentati nel recensire locali in maniera più ironica. Nel video qui sotto un gruppo di tre ragazzini va a provare un ristorante indiano a bordo di quella che pare essere una statale nella provincia di Novara. In mezzo a una serie di commenti non proprio politicamente corretti mangiano un pollo al curry, nonostante tutti, tranne uno, avanzino quasi metà della porzione. Pochi frame dopo lasciano comunque votazioni alte. Mentre lo guardo penso che alla loro età a volte facevo video con il telefono che ridicolizzavano i personaggi della televisione, ma gli unici che li vedevano erano i miei amici, o al massimo i miei parenti.

C’è chi poi ha preso molto seriamente YouTube. ll non più giovanissimo Marco Pesci ha un canale in cui, tra una recensione di deodorante per wc e una di ciabatte, trova lo spazio per recensire locali come per esempio l’all you can eat Sushi Wok di Viterbo. Dopo una carrellata di piatti cinesi, giapponesi e delle salsicce (?), Marco approva e lo consiglia, senza dilungarsi troppo nei dettagli. In un altro video, quello sul ristorante “da Anto” all’isola d’Elba, pare voler fare le cose per bene e, ricalcando le categorie di TripAdvisor, esprime giudizi su ambiente, piatti e prezzi.

Un altro canale, invece, è specializzato solo in ristoranti cinesi - apparentemente tutti delle bettole. In uno di questi un gruppetto di amici si imbatte in un orso polare nella vetrina di un ristorante, poi entra per assaggiare ravioli e altre pietanze non ben identificate. Il video è ironico ma curato, c’è la musica e il montaggio non è affatto male, più che una vera e propria recensione risulta puro intrattenimento.

Anche la coppia di Youtuber professionisti The Show ha realizzatoha realizzato una storta di video-recensione per i loro 2 milioni di follower in un ristorante gourmet di San Marino, ironizzando su i piatti ma senza esprimere troppi giudizi.

Dopo aver visto tutti questi video, non posso fare a meno di chiedermi se, in qualche modo, siano il futuro delle recensioni "amatoriali". L'aspetto più interessante delle recensioni video è che si possono cogliere molti più aspetti di un locale - il chiasso all’interno, la presenza o meno della clientela, il reale aspetto dei piatti.

Chissà, magari tra qualche anno mio padre finirà per comprarsi una go-pro per filmarsi nell’ennesimo ristorante da lui scelto come il migliore sulla piazza.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram.

Segui Camilla su Instagram .

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale