I dottori in UK avvertono: basta mettere prezzemolo nella tua vagina

Secondo i medici inserire il prezzemolo nella vagina può portare infezioni, alterare il pH della vagina, o potrebbe essere contaminato in qualche modo, e portare a un'infezione.

|
25 gennaio 2019, 9:06am

Collage di MUNCHIES Staff; immagini originali via Getty Images/Claudia Totir e Emojipedia

"Ci sono solo alcune cose che possono entrare nella tua vagina e le verdure in genere non sono tra queste"

Appena spunta una notizia che consiglia alle persone di inserire cibi di vario genere, bevande o accessori decorativi nei loro orifizi più reconditi, tutti pensano subito che sia colpa di Gwyneth Paltrow. E onestamente, come biasimarli: dopo aver proposte alle sue lettrici lavande vaginali ai vapori, clisteri di caffè a 120 euro, e quelle tremende uova vaginali di giada, credo che nessuno si sorprenderebbe se lei si svegliasse domani e vendesse su Goop un prodotto per rifoderarsi l'utero.

Questa volta, però, la Paltrow non c'entra niente. Non è colpa sua se i ginecologi si sono sentiti in dovere di ricordare a tutto l'Internet che le erbe aromatiche non dovrebbero entrare nella vagina di nessuno.

La scorsa settimana, Marie Claire UK ha pubblicato un articolo che elencava diverse cose che le donne potevano fare per "aiutare" il loro ciclo, e uno di questi riguardava il prezzemolo. "Il prezzemolo può aiutare ad ammorbidire la cervice e livellare gli squilibri ormonali che potrebbero ritardare il ciclo", si legge nell'articolo. OK, va bene, sì, il prezzemolo è noto come emmenagogo, ovvero un'erba in grado di stimolare l'afflusso di sangue nell'area pelvica e nell'utero, e, in alcuni casi, di favorire la mestruazione. Ma invece di fare del Chimichurri o comprare un barattolo di pesto al prezzemolo, l'autore ha suggerito alle lettrici di "inserire del prezzemolo nella vagina". Sì, è esattamente quello che vi state immaginando.

Diversi dottori hanno risposto rapidamente con un quasi universale "NO, NON DEVI FARLO MAI", e il pezzo è stato cancellato. La dottoressa Sheila Newman, una ostetrica-ginecologa del New Jersey, ha dichiarato a The Independent che l'articolo di Marie Claire era "irresponsabile", a causa dei rischi per la salute di riempire le proprie parti intime con del prezzemolo.

"Ci sono solo alcune cose che possono entrare nella tua vagina e le verdure in genere non sono tra queste", ha detto. "Ci sono modi per controllare il tuo ciclo mestruale e per evitare di averlo in determinati momenti, ma dovrebbero essere discussi insieme al tuo ginecologo." (E in termini generali 'come regolare il ciclo mestruale' non è una questione che si può risolvere nel reparto frutta e verdura del proprio supermercato di fiducia, che sia chiaro.)

Se hai appena comprato diversi mazzi di prezzemolo e vorresti una seconda opinione, la dottoressa Alyssa Dweck, ginecologa e autrice di The A to Z for your V [n.d.t.: La tua vagina dalla A alla Z], raccomanda anche di non inserire alcun tipo di cibo nella vagina. "C'è rischio d'infezione nel farlo, perché qualsiasi sostanza può potenzialmente alterare il pH della vagina, o potrebbe essere contaminata in qualche modo, e portare a un'infezione", ha detto a Broadly a novembre.

La Dott.ssa Dweck ha detto che gli alimenti non lavati o non correttamente lavati potrebbero causare infezioni del tratto urinario (UTI), dermatiti da contatto, infezioni da lieviti o vaginosi batterica.

In una dichiarazione a The Independent, Marie Claire ha ammesso che l'articolo non "riflette [i suoi] standard", motivo per cui è stato rimosso. "È stato un errore e ci dispiace che la nostra solita cura e rigore per gli articoli non sia stata seguita", ha detto un portavoce.

Se stai cercando un modo per "aiutare" il tuo ciclo mestruale, usa quel prezzemolo per farci una bella frittata. Quel tipo di frittata che si mangia SOLO CON LA BOCCA, prima di chiamare il medico.

Questo articolo è originariamente apparso su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale