La Kombucha può essere molto pericolosa

La kombucha, bevanda fermentata di gran moda, è davvero salutare come vi vogliono far credere?

|
set 5 2017, 12:52pm

Getty Images/Travenian

Nell'antica Europa e Asia, lo zucchero e il tè erano dei beni di scarsa reperibilità. Così la kombucha - un tè fermentato prodotto nutrendo lo zucchero di batteri e lievito - era una bevanda di alta classe, un segno di privilegio, come dice Zhaoping Li, professore di medicina e capo delle divisione della clinica nutrizionale dell'Università della California a Los Angeles.

Zucchero e tè in bottiglia sono molto più economici oggi. Ma la kombucha, ovunque voi la acquistiate, può essere ancora molto costosa (4 euro circa). E nonostante la si reclamizzi come una bevanda frizzantina panacea universale, una piccola ricerca su umani - e solo pochi studi sugli animali e in laboratorio - non conferma nulla di tutto ciò, dice Li.

"Ci sono persone che ti dicono che è capace di curare il cancro, il diabete e le malattie cardiache, che ricostruisce le difese immunitarie, previene l'herpes, e che potrà far sparire l'AIDS", dice il microbiologo Heather Hallen-Adams, assistente professore nel dipartimento di cibo e scienza dell'Università del Nebraska-Lincoln. "Potrebbe avere un effetto placebo, ma ciò che cura tutto, fondamentalmente, non cura niente".

La Kombucha è tutta questione di batteri

I benefici della kombucha sono largamente attribuiti ai probiotici, che sono microbi buoni per l'organismo, come il Lactobacillus presente nello SCOBY - che sta come abbreviazione per la colonia simbiotica di batteri e lievito - un blend di germi che forma una pellicola galleggiante sulla kombucha quando fermenta. Assomiglia vagamente a dei funghi, cosa per cui la kombucha è a volte chiamato "fungo del tè" nonostante la sua debolissima relazione con shiitaki o i funghi più comuni.

Il lievito e il Lactobacillus convertono lo zucchero in acido lattico e alcol etilico, Hallen-Adams spiega. Poi, i batteri dell'acido acetico, come l'Acetobacter e il Gluconacetobacter convertono l'alcol in aceto. È vero che i batteri dell'acido lattico sono "i buoni", perché migliorano i sintomi del colon irritabile e altri problemi gastrointestinali, riducendo gli effetti collaterali degli antibiotici e trattando le infezioni da lievito, oltre ad avere altri vantaggi. Sono insomma una parte essenziale di quello che viene chiamato microbioma, l'equilibrio dei batteri che vivono con te nel tuo corpo.

Li crede nell'importanza della diversità dei batteri - ha studiato il microbioma e chiama i batteri benefici "dei buoni vicini". "Fanno parte di noi, i microbi", ha dichiarato. "Abbiamo bisogno di pensare a loro e prendercene cura".

Ma sottolinea che ci sono almeno 500 diversi tipi di batteri che abitano il nostro intestino, per un totale di 300 trilioni di microorganismi. Anche le capsule di probiotici concentrati contengono solo cinque specie e 50 bilioni di organismi, e la kombucha ne ha al suo interno minori quantità. Siamo molto lontani, quindi, dall'influire davvero sulla salute, almeno secondo Li.

E come con ogni prodotto pieno di probiotici è difficile sapere esattamente quello che stai assumendo, sottolinea Hallen-Adams. Il cocktail di microbi che viene servito dipende non solo da quello che contiene i tè e dalla SCOBY, ma anche da fattori come temperatura di incubazione e quando a lungo le cose sono state sugli scaffali.

"All'epoca dell'imbottigliamento, o quando è iniziata la fermentazione, puoi ipotizzare che avrai 5 milioni di unità di colonie di Lactobacillus reuteri," dice la professoressa. (Anche il modo in cui i batteri vengono tipicamente misurati nel laboratorio rendono chiaro che si sta solo facendo una stima: un'unità che crea colonie è una cellula o un gruppo di cellule con il potenziale di continuare a crescere ancora date le giuste condizioni).

"Ma quando qualcuno finalmente consuma la Kombucha, sono ancora lì? Quando testi la tua coltura 2 anni prima, qualcuno si è aggiunto o qualcuno se n'è andato?".

Avrete più controllo se fermenterete da soli la vostra kombucha, cosa che Hallen-Adams fa fare durante le sue classi. Ma sicuramente correrete il rischio di contaminazioni se le condizioni non sono completamente sterili. "Stai lasciando una soluzione ricca di zucchero lì fuori" dice Li. "E non sono solo i batteri buoni che crescono". Anche gli agenti patogeni nocivi come E. coli possono proliferare.

Mentre la maggior parte delle persone che la produce in casa non si ammala, ci sono diversi casi documentati di malattie e anche contaminazioni o alti livelli di acidità dalla fermentazione.

Esperti come Li e Angie Murad, una dietista per il benessere presso la Mayo Clinic Healthy Living Program, si proclamano contrari, soprattutto per le persone più vecchie o per chi ha un sistema immunitario compromesso da malattie come cancro o HIV.

Dato che viene prodotto dal tè, la Kombucha contiene polifenoli - antiossidanti che diminuiscono i danni delle nostre cellule che lasciate senza controllo potrebbero contribuire al cancro, malattie cardiache e altre patologie, dice Murad. Un particolare tipo, la catechina, combatte anche i batteri nocivi, afferma Hallen-Adams.

Ma mentre ci sono prove che la fermentazione aumenti leggermente la conta dei polifenoli, si possono avere praticamente gli stessi benefici senza i potenziali disagi che ne derivano, soltanto sorseggiando una tazza di tè nero, afferma Li. E il tè, diversamente dalla Kombucha, è completamente privo di alcol. E anche pensando che lo SCOBY contiene batteri che si nutrono di liquore, potrebbe ancora contenere più dello 0.5% di alcol, cosa che la rende legalmente una bevanda alcolica, ci dice Hallen-Adams.

A condizione che tu abbia un sistema immunitario sano, scambiare una birra o una soda zuccherata per una bottiglia di kombucha acida e frizzante, di tanto in tanto, probabilmente non ti farà del male e potrebbe farti anche risparmiare qualche caloria (se cercate una bevanda senza aggiunta di zucchero, nella Kombucha ci sono circa 60 calorie a porzione, la metà che nella soda, afferma Murad).

Ma se state cercando un boost probiotico, Hallen-Adams raccomanda yogurt o kefir, che contengono molti più batteri buoni, e sono più verosimilmente benefici per la salute (inclusa la riduzione del rischio di 2 due tipi di diabete, di anormali livelli di colesterolo e obesità) e comportano pochissimi rischi.

Come afferma Murad, forniscono anche altri nutrienti come proteine, calcio, e vitamina D. E in più non è necessario ingerire più batteri del dovuto, anche se buoni. "Hai delle buone basi, devi solo prendertene cura" afferma Li.

In altre parole: è meglio nutrire la flora già in crescita nel tuo intestino con terreno e fertilizzanti di alta qualità, con una dieta sana piena di verdure, frutta e fibre. "Se vuoi veramente coltivare il giardino con una ricca varietà, prenditi cura di lui mangiando bene".

Questo articolo è tratto da Tonic