Questi ragazzi hanno fatto rinascere antiche pratiche agricole in Palestina

"Se noi, come palestinesi, non possiamo produrre il nostro cibo, costruire il nostro rifugio e avere la nostra energia, come possiamo sbarazzarci di questa occupazione?"

|
lug 13 2018, 8:23am

Om Sleiman non poteva essere cosa più lontana dall'immaginazione popolare di una fattoria biologica. La strada sterrata che conduce alla proprietà, traccia la rotta della barriera di separazione israeliana, costruita nel 2004 nel villaggio di Bilin, nella Cisgiordania occupata. I blocchi di cemento alti otto metri torreggiano sopra, così vicini da poterli quasi toccare, se non fosse per le infinite recinzioni di filo spinato. La proprietà si affaccia direttamente su Modi'in Illit, uno dei più grandi insediamenti israeliani della Cisgiordania, dove l'espansione e la costruzione non sono cessate dalla sua istituzione nel 1994. Il ronzio stridente dei bulldozer è l’inno onnipresente che l'abbondanza di prodotti biologici di Om Sleiman deve salutare ogni giorno al levare del Sole. Ma al di là di fuori di questi brutti sentori all'occupazione violenta, c’è una speranza che continua a crescere.

Uhab Al Alami e Mohammad Abu Jayyab hanno fondato la Om Sleiman Farm nel gennaio del 2016. Avevano una visione duplice: creare un collegamento diretto tra i palestinesi e i prodotti che consumano e dare nuova vita a un’identità agricola indigena, ormai in declino. La fattoria è basata su un modello di agricoltura di supporto alla comunità (CSA), il primo del suo genere in Palestina. "Si tratta di connettere gli agricoltori e i consumatori alla terra. Le famiglie che nutriamo non sono clienti, sono membri della fattoria ", dice Al Alami. Il modello è semplice: i membri danno fiducia alla visione agricola di Om Sleiman, pagando la loro quota per i prodotti all'inizio di ogni stagione. Fondamentalmente, questo garantisce che la produzione di cibo sia sicura, rispettosa dell'ambiente ed equa sia per il consumatore sia per il produttore. Nei due anni della sua esistenza, Om Sleiman ha raddoppiato le sue capacità, e ora alimenta ogni settimana diciotto famiglie abbonate, con prodotti freschi e biologici.

Quell’antica terra ha un profondo significato spirituale per i palestinesi. E, dopo 50 anni di brutale e repressiva occupazione militare, quasi un quarto della popolazione palestinese soffre di instabilità alimentare. Come se non bastasse, la conoscenza collettiva del vivere in armonia con la terra, una volta viva, rischia di essere persa per sempre.

In piedi sotto un ulivo a Om Sleiman, Al Alami spiega che i boschetti caratteristici del paesaggio sono la prova di pratiche agricole autosufficienti perfezionate in migliaia di anni. Dice che dare nuova vita a queste pratiche ha molti vantaggi:

"Proteggi la terra, rivendichi la tua identità, crei opportunità di lavoro e sei indipendente. Non c’è modo più giusto e pacifico di essere."

Il terreno su cui crescono i prodotti è simbolico. "Era proprio dietro il muro", spiega Muhab mentre si prende cura dei pomodori. Il muro, costruito ben oltre la "Linea Verde", che delimita il confine israeliano riconosciuto a livello internazionale, ha monopolizzato più della metà di Bilin. La sua costruzione ha negato agli agricoltori locali l'accesso alle terre coltivate da generazioni, dalle loro famiglie.

Tuttavia, Bilin divenne rapidamente una delle icone più significative del movimento di resistenza non-violenta palestinese, quando un gruppo di leader globali (tra cui Richard Branson e Jimmy Carter) chiamato "The Elders" (ndr: “Gli Anziani”), portò la situazione all'attenzione internazionale. Nel 2007, la più alta corte israeliana ha ordinato ai militari di spostare il perimetro del muro verso Israele, e quindi di restituire circa la metà dei terreni agricoli persi ai legittimi proprietari. E così un villaggio locale come Bilin, è riuscito a rivendicare la sua terra, che ha donato per la creazione della fattoria Om Sleiman.

Yara Duwani è una donna palestinese di 25 anni che ha partecipato alla gestione di Om Sleiman per due mesi. Crede che l'autosufficienza sia il primo passo verso la libertà. "Siamo davvero dipendenti da coloro che ci occupano - per l'elettricità, l'acqua, l'alloggio, il cibo, i movimenti, quasi anche per l'aria.

Se noi, come palestinesi, non possiamo produrre il nostro cibo, costruire un nostro rifugio, avere la nostra energia, come possiamo sbarazzarci di questa occupazione? "

L'educazione è la forma di pacifica resistenza non violenta che ha scelto di perseguire. Appassionata della sovranità alimentare e dell'agricoltura sostenibile, Duwani sogna di trasformare Om Sleiman in qualcosa di più che le sole verdure biologiche. Vuole che sia un fulcro per la gente: per imparare, insegnare e condividere idee.

Indubbiamente ci sono sfide inerenti all'operare sulla terraferma con dimostrazioni di occupazione. Le bombole di gas lacrimogeno fiancheggiano la strada sterrata che porta a Om Sleiman Farm. L'area di parcheggio è rovinata dal residuo nero della gomma degli pneumatici, bruciati per creare uno schermo fumogeno per proteggersi dai cecchini israeliani alla protesta settimanale di Bilin. Il cavolo si allunga verso il sole mentre si innalza sul Muro di separazione.

"Ogni giorno lavori nella fattoria e vedi che stanno costruendo insediamenti sulla tua terra con le tue risorse", dice Duwani. "La cosa interessante è che questo ti dà la motivazione per lavorare verso la creazione di una comunità autosufficiente, indipendente e produttiva".

Il settore dell'agricoltura biologica, in Palestina, è decollato, da quando è stato introdotto per la prima volta in Cisgiordania nel 2004. Ad oggi ogni anno vengono esportati dai territori occupati almeno 5 milioni di dollari di olio d'oliva biologico. Tuttavia, le realtà dell'economia locale devono rivolgersi alle aziende responsabili della vendita di prodotti biologici palestinesi del commercio equo e solidale e ai distributori, come Canaan, che invece si rivolgono rigorosamente a un mercato internazionale.

Secondo il World Food Program, poco meno di un quarto della popolazione non ha i mezzi per permettersi del cibo nutriente. Per i palestinesi che vivono nella West Bank occupata, ciò significa in genere che non ottengono i frutti dell'ondata di pratiche agricole biologiche. A corto di contanti, i palestinesi acquistano prodotti dai mercati ortofrutticoli (chiamati Hisbeh). Alcuni di questi prodotti sono stagionali, ma gran parte no, e alcuni sono persino considerati non adatti al consumo umano. "La gente qui pensa che quello che mangiano negli Hisbeh sia il miglior cibo in fatto di qualità", spiega Duwani. "Non capiscono che Israele ci dà i prodotti peggiori, quelli che non possono vendere sul mercato israeliano".

La preponderanza di prodotti israeliani è il risultato del Protocollo di Parigi del 1994, che conferisce uno stato preferenziale e il libero accesso ai beni israeliani, rendendo profonda la dipendenza palestinese e impossibile boicottare i prodotti israeliani in Cisgiordania, facendo di fatto prigionieri i territori palestinesi con il loro mercato."Questa è stata una delle cose più catastrofiche che siano mai accadute nella storia palestinese ... protegge solo i prodotti israeliani e costringe i palestinesi a comprarli. È solo un altro modo per essere schiavi di Israele ", spiega Al Alami mentre innaffia le fragole nella serra.

Al Alami dice che "Israele non vuole che tu sia produttivo. Stanno concentrando le loro forze per trasformare i palestinesi in una società consumistica, dipendente dall'economia israeliana." E ne sono dipendenti; gli economisti delle Nazioni Unite hanno detto che se non fosse stato per l'occupazione, l'economia oggi sarebbe al doppio delle dimensioni attuali.

Ed è proprio qui che sta il problema: l'economia della Palestina è indissolubilmente intrecciata con quella di Israele, ma lo sviluppo di un modello agricolo non basato su prodotti israeliani importati è cruciale per gli agricoltori palestinesi. Om Sleiman Farm sta offrendo una soluzione. La fattoria si è espansa molto più velocemente di quanto si aspettasse Al Alami. In due anni e mezzo hanno raddoppiato la loro capacità. File su file di ogni verdura che possiate immaginare coprono ogni angolo della proprietà. Sia i gestori che i membri sono felici.

Il successo di Om Sleiman ha incoraggiato altre 20 aziende agricole in tutta la West Bank a seguire l'esempio e ad adottare il modello CSA.

Non pensate, però, che indichi che siano immuni dagli effetti dell'occupazione militare. Raccogliendo le zucchine per la distribuzione di questa settimana Al Alami ci spiega che "esistere sulla tua terra è uno dei modi più importanti per resistere all'occupazione. Ma nonostante questo ti guardano, ti studiano e non mollano un colpo". Sei mesi dopo aver costruito la fattoria, l'esercito israeliano arrivò e li avvertì di non continuare a lavorare nella serra e sul recinto. Questo faceva parte di uno dei 14.000 ordini di demolizione in sospeso in Cisgiordania. Mentre la sua proprietà è ancora presente, Al Alami è stato testimone della distruzione da parte dell'esercito israeliano di altre cinque fattorie nel raggio di 500 metri negli ultimi due anni.

"Esistere sulla tua terra è uno dei modi più importanti per resistere all'occupazione. Ma nonostante questo ti guardano, ti studiano e non mollano un colpo".

Perché? Semplicemente erano nel posto sbagliato. Dal momento che i broccoli e i cavoletti di Bruxelles di Om Sleiman Farm sono coltivati su terreni nell'Area C, lo sviluppo è completamente delimitato. Questa terra è sotto il pieno controllo militare israeliano e costituisce circa il 61% della Cisgiordania. Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) è quasi impossibile vivere in quest'area, a causa dell'implementazione di politiche e pratiche che limitano l'uso di terra e risorse da parte dei palestinesi.

I palestinesi dell'Area C vivono in uno stato costante di pervasiva insicurezza. Al Alami dice che recentemente "Israele ha annunciato che avrebbero iniziato a mettere in atto degli ordini di demolizione a Bilin". Dal momento che è già stato avvertito, significa che all’improvviso potrebbe arrivare a Om Sleiman e trovare l'intera proprietà distrutta: le piante sradicate, la serra demolita e il sistema di irrigazione interrotto.

Nonostante questa dura realtà, Al Alami rimane ottimista: "Se lo demoliscono, si ricostruisce qualcosa di nuovo".

Una cosa è certa in questa vita gestita dal caos: troverai sempre Al Alami che lavora per un futuro autosufficiente a Om Sleiman Farm, non importa quanti siano gli ostacoli da affrontare. Produrre cibo, approfondire il suo legame con la terra e ispirare gli agricoltori di tutta la Palestina a usare l'agricoltura come resistenza pacifica e non violenta gli dà uno scopo. Gli edifici possono essere distrutti, ma i semi di speranza nati a Om Sleiman Farm no: vivranno per sempre.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram.


Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale